martedì 7 marzo 2017

Come è dolce scivolare sulla terra…, parola di Enrico Azzini


Lo scivolamento, recita il dizionario, è lo spostamento dolce e rapido su una superficie uniforme e levigata. Ma allora, voi mi direte, che c’azzecca, direbbe Di Pietro, con la libreria il Mare un libro che titola Tutte le cose che scivolano e in copertina ha uno skateboard? Eppure l’autore, Enrico Azzini romano di 49 anni, ve lo spiegherà giovedì 23 quando accorrerete numerosi per ascoltarlo…
Enrico ha collaborato per anni con un settimanale di automobilismo, si è laureato in Storia

lunedì 6 marzo 2017

Pietro Grossi, uno scrittore velista o un velista scrittore?


Il prossimo mercoledì 15 sarà nostro ospite Pietro Grossi che presenterà la sua ultima opera Il passaggio. Ha 39 anni ed è un fiorentino doc, con l’occasione capiremo se è più velista che scrittore. È autore di sei volumi tra romanzi e raccolte di racconti, vincitore di molti premi letterari, tra cui il Campiello Europa 2010. Nel 1997 ha traversato l’Atlantico su un Grand Soleil 45 che aveva appena 19 anni. Nel 2016 il Giornale della Vela ha deciso di inserirlo nella rosa dei 100 nomi tra cui verrà eletto il velista

domenica 5 marzo 2017

Jurassic Park nelle vicinaze di Napoli. Al Cratere degli Astroni

La mostra evento Dinosauri in carne e Ossa che il crescente successo di pubblico in tutta Italia ha trasformato in un vero e proprio cult è approdata nella riserva naturale del Cratere degli Astroni, Oasi del WWF e sarà visibile fino al 5 novembre. Ne sono protagonisti i giganteschi dinosauri dominatori dell’Era Mesozoica, come il Tirannosauro e il Diplodoco, e tante altre specie vissute in un arco di tempo di 400 milioni di anni, dal Paleozoico fino ai giorni nostri: alcune altrettanto iconiche, come il Mammut e l’Uomo di Neanderthal, simboli dell'era glaciale, altre più piccole o meno note, ma non per questo meno evocative di Mondi primordiali oggi scomparsi.

venerdì 3 marzo 2017

Corallium rubrum e il corallaro, una figura che va scomparendo


Carlo Ravenna ha scritto per noi questo “pezzo” sul “nostro” corallo rosso. Livornese di nascita ma romano di adozione, da poco ha superato gli anta, come tanti altri amanti del Mare ha scoperto da subito la libreria il Mare, diventandone un assiduo frequentatore oltre che un amico.
Carlo si definisce fotografo subacqueo e terrestre. Ha lasciato la sua professione di architetto per la grande passione per la fotografia naturalistica e per le riprese televisive. Ha imparato ad andare sott’acqua prestissimo, aveva 8 anni, e da più di venti scende in acqua. Interessato agli aspetti biologico e comportamentale degli organismi marini, ma anche nei laghi, nei fiumi, in montagna: scoprire e fotografare piante e animali rari per lui è ricerca e anche una sfida. 
 
Narra un’antica leggenda giapponese che un giovane samurai lasciò il suo paese situato sulle rive del mare per andare a guerreggiare lontano dalla sua patria. Ferito a morte l’uomo tentò di guadagnare la via di casa, ma si accasciò sulle rive di un fiume. Le gocce del suo sangue trasportate lungo il letto

mercoledì 1 marzo 2017

Mare Nostrum “inquinatum”…


Particelle raccolte in mare: Il pranzo è servito…
Il nostro magazine cresce…, oggi una giovane cronista, Elena Bittante appassionata di mare e di natura, ci ha proposto l’aggiornamento, con i dati di una recente ricerca dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche, di un tema che abbiamo già trattato nel maggio 2014. Lo ricordate? Nel libro Come è profondo il mare Nicolò Carnimeo ci parlò dei 290 miliardi di coriandoli di plastica presenti nel Mare Nostrum!

Le sfumature di smeraldo e zaffiro del Mediterraneo sono come un’incantevole sirena che canta al ritmo delle sue onde e trae facilmente in inganno l’osservatore. Siamo preda di un incantesimo: siamo ammaliati dalla sua

domenica 26 febbraio 2017

Mediterraneo, grande mare antico e pianura liquida

L’appuntamento del prossimo mercoledì, la presentazione del libro In viaggio tra Mediterraneo e storia, è di quelli da non perdere. Potrete incontrare personaggi che non è facile trovare tutti insieme. Prima di tutto i due autori, Sebastiano Tusa archeologo e direttore della Soprintendenza del mare Regione Sicilia e il saggista Carlo Ruta. Di Tusa ne abbiamo parlato decine di volte su questo nostro magazine. Inserite le quattro lettere Tusa nel campo “cerca” e non vi basterà un’ora per leggere tutto quello che abbiamo scritto su di lui.

mercoledì 22 febbraio 2017

La Storia della Querina di Franco Fortunato a Venezia

Franco Fortunato è sbarcato a Venezia su invito del Consiglio Regionale del Veneto, con le sue undici tavole che raccontano la storia della Querina oltre a una trentina di altre sue opere inedite, dipinti e ceramiche, tutte esposte nelle sale di Palazzo Ferro Fini, dove rimarranno fino al 3 marzo. L’esposizione è arricchita anche da un cortometraggio di circa venti minuti con la regia di Valentina Grossi, prodotto da CUT& Editing & More, che racconta la cronologia della storia, utilizzando e rielaborando le tavole di Franco. A fargli compagnia l’altra preziosa opera, il nostro libro La storia della Querina nelle tavole del maestro Franco Fortunato, The History of the Querina, che vi abbiamo presentato in diverse occasioni su queste stesse pagine. La mostra dal nome La storia della Querina, partner anche del Carnevale di Venezia – Official Page, è il risultato di un’ampia collaborazione tra il Consiglio regionale del Veneto per aver deciso di promuovere ed ospitare la

venerdì 17 febbraio 2017

Come si costruisce una filiera, dalle reti direttamente alle mense scolastiche e non solo

Poco meno di un anno fa per parlare del progetto “Pesce fresco nei menù delle mense scolastiche” l’incipit del servizio era un’assoluta ovvietà:  Meglio mangiare pesce fresco nostrano, che pesce congelato del Pacifico! Si trattava di uno dei progetti della società marchigiana Albert specializzata nell’innovazione e sostenibilità nei sistemi agroalimentari. Invece il prossimo venerdì 24 alle 17.30 presenterà in un contesto ideale – ovvero la nostra libreria – i risultati dell’ultimo dei suoi progetti Dalla rete al piatto anche questo dedicato esclusivamente al cosiddetto pesce povero. Il progetto ha consolidato una filiera già ampiamente tracciata con i

mercoledì 15 febbraio 2017

Croppi dei record: la processione del Corpus Domini in una pagina lunga quattordici metri

Era una mattina come le altre quando nel settembre 2008, in libreria, eravamo ancora al 292 di via di Ripetta, entra un distinto signore, a noi sconosciuto, che si presenta “buongiorno, sono Umberto Croppi, Assessore alla Cultura del Comune, volevo conoscere la vostra libreria e le attività che svolgete”. Dire che siamo rimasti di sasso, Giulia, Marco ed io, è poco. È così che abbiamo conosciuto uno dei migliori Assessori alla cultura che Roma abbia mai avuto e instaurato da subito rapporti amichevoli, ben saldi ancora oggi. Per chi voglia saperne di più di questo “distinto signore” non deve fare altro che scorrere nel web le decine di pagine che lo citano con tutto quello che c’è da dire. Oppure leggere Romanzo comunale. I segreti dei palazzi del potere di Roma il libro che Croppi ha scritto nel 2012 insieme a Giuliano Compagno. Comunque nessuno racconta una parte della sua storia quando nel 1966 a quarant’anni ebbe una duplice svolta nella sua vita, un cambiamento radicale: con un suo amico fonda la casa editrice Officine del Novecento e dopo qualche mese conosce la donna che sarebbe diventata sua moglie. I due subito dopo acquisiscono la storica

martedì 14 febbraio 2017

Duecento pagine di illustrazioni per descrivere la magia della Natura finlandese

Fabrizio non sta più nella pelle. In poco più di un anno è riuscito a vedere realizzata la sua idea, quella di costruire un libro sulla wilderness assoluta, la Natura con la maiuscola, quella che si estende in Finlandia intorno al circolo polare artico. Come sia stato possibile lo racconta lui stesso mostrando le fotografie scattate in tipografia!
Andiamo in stampa! È un giorno bellissimo oggi 13 febbraio 2017 a Città di Castello, la terra umbra che diede i natali a Piero della Francesca nel XV secolo ed Alberto Burri nel secolo che abbiamo lasciato appena 17 anni fa. Con una grande dose di coraggio abbiamo concluso il lavoro di costruire un libro di quasi 200 pagine che non ha precedenti in Italia ma soprattutto in Finlandia, dove il libro è diretto. È omaggio al centenario d’indipendenza di questo Paese nordico che si compie quest’anno. Così abbiamo portato in tipografia, in questa deliziosa cittadina, Kuusamon Taika, cioè la Magia di Kuusamo. Ne abbiamo già parlato suMaremagazine: il